aggiornato il 5-3-2021

CS – Biblioteche: la lettura è più forte del virus

Dopo il nuovo azzeramento dei prestiti determinato dalla chiusura imposta all’inizio del secondo lockdown risale il numero dei titoli prestati: quota 1/3 pre-pandemia

4.981. È il dato dei prestiti realizzati dalle Biblioteche nell’ultimo bimestre prima della pandemia (gennaio/febbraio 2020). Da allora le tre comunali sono state chiuse due volte – in primavera (durante il primo lockdown) e in autunno (durante il secondo) – e in entrambi i casi hanno riavviato l’attività tra nuove difficoltà, vincoli normativi e stringenti regole sanitarie. In conseguenza di ciò, i prestiti sono precipitati a zero, quota dal quale si stanno rialzando rapidamente grazie all’impegno delle addette del servizio che, per poter tornare a ricevere gli utenti, a novembre, hanno attivato i “prestiti alla finestra”. Il servizio d’asporto – frutto di inventiva e resilienza, sulla linea di confine dei divieti da Dpcm – ha consentito alle Biblioteche di riconquistare quota 1/3 rispetto ai numeri del periodo antecedente allo scoppio della pandemia. L’ultimo bimestre del 2020 (novembre/dicembre) si è chiuso con 1.845 prestiti, ovvero il 37% rispetto al primo bimestre dello stesso anno.

Per rinforzare il servizio, inoltre, i bibliotecari sandonatesi, durante l’estate, avevano aderito al bando del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo relativo all’erogazione di contributi alle biblioteche per acquisto libri. L’operazione è valsa alla nostra città un trasferimento di circa 17mila euro investiti in un migliaio di volumi già disponibili al prestito. Nel frattempo, il prestito librario ha assunto anche una nuova forma. L’anno della pandemia ha determinato un’accelerazione della richiesta di libri digitali. Rispetto al 2019, nel 2020 sono più che raddoppiati i prestiti di ebook del sistema bibliotecario Cubi, saliti da 12mila a 28mila. In questa impennata, grande merito spetta ai lettori sandonatesi che, in un contesto che raggruppa gli utenti di una sessantina di Comuni tra Milano e la Brianza, hanno totalizzato da soli quasi un terzo dei prestiti (circa 9mila).

«Le nostre Biblioteche – spiega l’Assessore alla partita Chiara Papetti – vantano un pubblico esigente e appassionato che è stato di grande impulso per il doppio riavvio del servizio dopo gli stop imposti a causa della pandemia. La lettura ha avuto un ruolo fondamentale per molte persone chiuse, spesso in solitudine, in casa durante i lunghi periodi di lockdown. Aver dato continuità all’attività dei prestiti, seppur tra tante difficoltà, è stata una scelta dettata dalla consapevolezza del valore che la cultura riveste nella quotidianità di tutti noi. Rivolgo un ringraziamento alle nostre bibliotecarie che hanno saputo reinventare più volte il servizio offrendo tante ore di lettura ai nostri concittadini».

Etichette

Condividi questo contenuto:

contatti

Comune San Donato Milanese
Via C. Battisti, 2
tel 02-52772.1
P.IVA 00828590158

iscriviti per rimanere aggiornato