aggiornato il 12-5-2021

CS – Il 5 per mille in difesa delle donne vittime di violenza

L’Amministrazione investirà i fondi devoluti dai cittadini attraverso la dichiarazione dei redditi nel sostegno delle azioni della Rete territoriale antiviolenza

Una firma sulla dichiarazione dei redditi per aiutare chi è in difficoltà. Lo sanno bene i sandonatesi che lo scorso anno, attraverso il meccanismo del 5 per mille, hanno destinato al Comune ben 28.171,02 euro da utilizzare in attività sociali rivolte alla Comunità. San Donato nella graduatoria dei trasferimenti della quota Irpef destinabile alla propria città di residenza, nella provincia di Milano, è risultata (in base ai dati del Ministero dell’Interno relativi all’anno d’imposta 2019) seconda, dietro solo al capoluogo. Tanta generosità ha consentito di promuovere, nel corso del 2020, una serie di azioni a sostegno dei servizi volti alla promozione dei diritti e delle opportunità dell’infanzia e dell’adolescenza, del sostegno alla genitorialità e alla famiglia.

Contando in altrettanta generosità in occasione delle dichiarazioni dei redditi di quest’anno, l’Amministrazione ha deciso che i fondi destinati al Comune saranno interamente utilizzati per sostenere le attività della Rete territoriale antiviolenza – realtà che include i Comuni del Distretto sud est Milano, del distretto Paullese e altri soggetti del territorio come l’Azienda Sociale Sud Est Milano, l’Ats di Milano, l’Asst di Melegnano e Martesana, il Policlinico San Donato, le forze dell’ordine, la  Fondazione Somaschi e associazioni locali – promotrice, tra le altre cose, dell’apertura, nel maggio 2018, del Centro Antiviolenza in città, e nel 2020, di uno sportello a Peschiera Borromeo.

La scelta ribadisce l’attenzione dell’Amministrazione alla problematica e vuole rafforzare l’azione in materia. Confrontando i dati dei mesi precedenti alla pandemia a quelli successivi, il Centro antiviolenza ha avuto un sensibile incremento di richieste. Si è passati da una media di 4 donne al mese (26 da agosto 2019 a gennaio 2020) a una media di 6 (57 da febbraio a settembre), con un preoccupante aumento del 50%.

Con l’obiettivo di rafforzare l’azione della Rete Antiviolenza rendendo più efficace le attività di prevenzione e salvaguardia delle donne vittime di ogni forma di violenza e prevaricazione, l’Amministrazione rivolge l’invito ai cittadini a scegliere di destinare il 5 per mille al Comune, ovvero, un investimento per tutelare una parte vulnerabile della Comunità. Per accettare l’invito è sufficiente una firma. Al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi, nella sezione “Scelta della destinazione del cinque per mille dell’Irpef”, la si deve apporre il riquadro “Sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza”.

«Donare il 5 per mille alle attività sociali del Comune – spiega il Sindaco Andrea Checchi – quest’anno assume un significato ancor più nobile: significa contribuire a rafforzare la rete di protezione per le donne che vivono condizioni di violenza superabili solo attraverso l’aiuto di realtà come il nostro Centro Antiviolenza. Destinare il proprio 5 per mille non costa nulla, ma è una scelta che può valere molto».

Etichette

Condividi questo contenuto:

contatti

Comune San Donato Milanese
Via C. Battisti, 2
tel 02-52772.1
P.IVA 00828590158

iscriviti per rimanere aggiornato