aggiornato il 22-9-2021

CS – Lezioni di educazione civica e di pratiche quotidiane

L’equipe del progetto Sai (ex Sprar) ha avviato un corso rivolto ai rifugiati attualmente accolti in città con lo status di asilo politico o di protezione sussidiaria

Accoglienza integrata in corso. L’estate non manda in ferie le attività dell’equipe che in città si occupa del progetto Sai (Sistema di accoglienza e integrazione, in passato Siproimi e, inizialmente, Sprar). Attualmente a San Donato sono accolte e assistite 11 persone aventi lo status di asilo politico o di protezione sussidiaria. Provenienti dal Bangladesh, dalla Colombia, dal Ghana, dalla Guinea, dal Mali, dalla Nigeria e dal Pakistan, sono ospitate in tre appartamenti in città. Il progetto sostenuto da fondi ministeriali, tuttavia, non si limita a garantire a questi ragazzi solo un alloggio, ma – nell’ottica di un efficace inserimento socio-economico nella nostra realtà e del raggiungimento di una piena integrazione – svolge un’attività complementare con l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per arrivare a una piena autonomia in un contesto totalmente differente da quello d’origine.

Si colloca in questa cornice l’iniziativa avviata negli scorsi giorni dall’equipe sandonatese: un corso di educazione civica e di conoscenza di semplici pratiche quotidiane. Di fatto un compendio di informazioni relative alla nostra società (con un focus sulle principali, istituzioni e sui principali diritti e doveri) affiancate da una serie di “simulazioni pratiche” di attività quotidiane che, per la maggior parte di noi possono sembrare banali, ma per chi arriva dall’altra parte del mondo e non ha la padronanza della lingua non sono affatto scontate (come richiedere un certificato o pagare un bollettino postale).

«Sul tema dell’accoglienza – spiega il Sindaco Andrea Checchi – purtroppo l’opinione pubblica si trova fortemente divisa. Noi tuttavia non abbiamo alcun dubbio in proposito: siamo fortemente convinti che sostenere quanti si trovino ad affrontare situazione di grande difficoltà sia un dovere morale a cui non ci si può sottrarre. Plaudiamo dunque a questa iniziativa che punta a realizzare una forma “piena” di accoglienza».

Etichette

Condividi questo contenuto:

contatti

Comune San Donato Milanese
Via C. Battisti, 2
tel 02-52772.1
P.IVA 00828590158

iscriviti per rimanere aggiornato