aggiornato il 22-1-2022

CS – Supercortemaggiore: l’Eni Station entra nel futuro

Concluso l’iter per la definizione della nuova stazione polifunzionale di piazza Supercortemaggiore con l’obiettivo di applicare i principi dell’economia circolare.

Nel corso dell’ultima seduta dell’anno, il Consiglio comunale ha approvato la variante al P.G.T. (Piano di Governo del Territorio) relativa alla nuova stazione di carburante Eni. Un progetto che prevede non solo la ristrutturazione degli impianti già esistenti, ma anche l’installazione di postazioni di rifornimento alternative quali l’idrogeno (da elettrolisi dell’acqua) e l’elettrico, importanti misure di sostenibilità ambientale e la realizzazione di una farmacia concessa al Comune in comodato gratuito per 20 anni.

La nuova Eni station sarà una stazione innovativa e di design, integrata architettonicamente con il nuovo Centro Direzionale Eni in costruzione alle sue spalle. Uno dei risultati più significativi è, però, in termini ambientali, la riduzione del 25% dell’anidride carbonica emessa annualmente in atmosfera rispetto ad un punto vendita di uguali dimensioni, per un risparmio annuo stimato di 55 tonnellate di CO2, pari all’assorbimento di un bosco di 4.500 alberi. Il fabbisogno energetico della struttura, inoltre, verrà coperto in misura molto significativa da energia proveniente da fonti rinnovabili con la raccolta ed il recupero di acque piovane e la capacità di decomporre agenti inquinanti mediante l’utilizzo di rivestimenti green.

«Un intervento di assoluta avanguardia – dichiara il Vicesindaco Gianfranco Ginelli – che, con il Sesto Palazzo Uffici e i lavori alla viabilità in parte terminati, andrà ad arricchire un comparto protagonista di grosse trasformazioni. Tra le tante novità anche la struttura messa a disposizione gratuitamente per vent’anni, dove avrà sede la quinta farmacia comunale e una pista ciclabile di collegamento tra le due rotonde, quella del Quinto Palazzo Uffici e quella in prossimità di via Gandhi».

«Sarà la seconda stazione di servizio in Italia con queste caratteristiche – aggiunge il Sindaco Andrea Checchi – e segna un’altra tappa fondamentale nello sviluppo della San Donato che verrà. Le varie collaborazioni che abbiamo costruito con Eni in questi anni ci permettono di progredire in materia di sostenibilità ambientale, salvaguardia del territorio e pianificazione di nuovi modelli di produzione e consumo di energia. Il futuro ci impone di affrontare subito sfide ambientali cruciali per tutti noi e San Donato non farà mancare il proprio contributo».

Etichette

Condividi questo contenuto:

contatti

Comune San Donato Milanese
Via C. Battisti, 2
tel 02-52772.1
P.IVA 00828590158

iscriviti per rimanere aggiornato