aggiornato il 10-7-2020

Regolarizzazione stranieri: domande fino al 15 agosto

AGGIORNAMENTO DEL 17 GIUGNO – Il termine per la presentazione delle istanze di regolarizzazione di cui all’art. 103 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, inizialmente previsto il 15 luglio, è stato prorogato dal Governo al 15 agosto.

Le domande di regolarizzazione dei rapporti di lavoro con cittadini stranieri dovranno essere presentate entro sabato 15 agosto. Lo stabilisce l’articolo 103 del decreto interministeriale Interno, Economia, Lavoro e Politiche agricole del 27 maggio 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, che spiega la procedura e dettaglia i requisiti richiesti per il buon esito delle istanze.

Quando:

Le domande si possono presentare da oggi, 1 giugno, fino al 15 luglio 2020 (non viene considerato l’ordine di arrivo).

Settori di lavoro interessati:

  • agricoltura, allevamento, pesca
  • lavoratori domestici di sostegno al bisogno familiare
  • lavoratori per assistenza alla persona affetti da patologia che ne limitano l’autosufficienza

Procedura per assunzione cittadini stranieri senza permesso di soggiorno:

Datori di lavoro italiani e stranieri, che intendono assumere cittadini extracomunitari senza permesso di soggiorno presenti sul territorio italiano prima del 8 marzo 2020, devono:

  • essere in possesso di SPID e presentare domanda di assunzione sul sito del Ministero dell’Interno (clicca qui);
  • avere un reddito che deve essere superiore a: 30mila euro per i lavori del settore agricolo, 20mila euro per i lavori di assistenza alla persona e domestici, 27mila euro se il nucleo familiare è composto da più soggetti conviventi;
  • pagare il contributo Inps di 500 euro con modello F24 (REDT 2020) distribuito da Uffici Postali, Banche o sul sito delle Agenzie delle Entrate;
  • nel caso in cui i datori di lavoro siano stranieri devono essere in possesso di Carta di soggiorno.

Il lavoratore, invece, deve:

  • essere entrato in Italia prima del 8 marzo 2020, attestandolo con documentazione rilasciata da Enti pubblici o privati con delega a funzioni pubbliche (cartella sanitaria, tessere di trasporto nominative ecc.);
  • essere in possesso del passaporto o documento equipollente o attestazione di identità rilasciata dal proprio Consolato.

In questo caso viene rilasciato un permesso di soggiorno per lavoro della durata del contratto che può essere rinnovato anche al di fuori dei 3 settori di lavoro o per attesa occupazione o famiglia

Procedura per gli stranieri con permesso scaduto dal 31/10/2019

Gli stranieri con permesso di soggiorno scaduto dal 31/10/2019 e non rinnovato, che prima di tale data hanno svolto attività lavorativa in uno dei 3 settori indicati (documentata), possono chiedere un permesso di soggiorno temporaneo della durata di 6 mesi dall’invio della domanda valido solo sul territorio nazionale, il lavoratore può in quel periodo cercare un lavoro nell’ambito dei 3 settori indicati e convertire il permesso temporaneo in permesso per lavoro.

La domanda, da inviare in Questura, si presenta in Posta con apposito modulo (costo 30 euro).

Il lavoratore deve pagare 130 euro di contributo tramite F24 (REDT 2020) e deve essere in possesso del passaporto o documento equipollente o attestazione di identità rilasciata dal proprio Consolato.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del Ministero Interno (clicca qui).

Per ulteriori informazioni e assistenza è possibile rivolgersi all’Ufficio Stranieri (tel. 02.52772290/291/294, ufficio.stranieri@comune.sandonatomilanese.mi.it). Per prenotare un appuntamento clicca qui. Scarica il volantino di sintesi dei documenti necessari per perfezionare la pratica predisposto dal servizio.

Etichette

Condividi questo contenuto:

contatti

Comune San Donato Milanese
Via C. Battisti, 2
tel 02-52772.1
P.IVA 00828590158

iscriviti per rimanere aggiornato